manhattan-cocktail-ted-roma

Manhattan cocktail: prova la ricetta TED!

Oggi vi diremo come preparare un manhattan cocktail perfetto, con qualche variante che, secondo noi, lo rende ancora più gustoso e accattivante!

 Manhattan cocktail: qualche piccolo accorgimento per farlo perfetto!

 Eccovi qualche consiglio di preparazione, che renderà il vostro Manhattan “a prova di barman”:

  • Questo coktail va preparato mescolando (mai shakerando) gli ingredienti in un mixing glass, che va riempito di ghiaccio per 2/3.
  • Versate il Fernet nel ghiaccio prima degli altri ingredienti.
  • Versate lo sciroppo d’acero prima del whisky, e aggiungetevi quest’ultimo lentamente, mescolando bene per amalgamare i due ingredienti.
  • Servite il vostro Manhattan cocktail in un bicchiere da Martini (quello a forma di cono rovesciato che poggia su un lungo stelo).
  • Per dare un tocco di colore in più, guarnite con una ciliegina al maraschino.

Manhattan cocktail: come variare un classico senza tempo!

Il cocktail Manhattan pare sia nato nel 1874 nel club di New York dal quale ha preso il nome, creato dalla fantasia della madre dello statista Churchill, che amava dilettarsi con liquori e cocktails. Il Manhattan cocktail è uno degli apertivi più famosi al mondo, e la ricetta originale prevede Whisky, Vermouth rosso e Angostura. Da Ted ne offriamo un’interpretazione personale con questi ingredienti:

  • Bulleit Rye Whisky: uno dei migliori whisky di segale presenti sul mercato, invecchiato per 6 anni in botti nuove di quercia americana. Questo whisky, che profuma di legno e ciliege, risulta moto morbido al palato ed è caratterizzato da note di vaniglia e miele, perfette per il Manhattan cocktail.
  • Nero d’Avola: con i suoi aromi di ciliegia, prugna e bacca, lega benissimo con il whisky, regalando al Manhattan intense note speziate ed un colore ancora più intenso.
  • Sciroppo d’acero: il suo gusto dolce aggiunge spessore e profondità al nostro cocktail, senza contare che si presta molto bene ad essere miscelato agli altri ingredienti, soprattutto al whisky, andando a “completarne” il gusto.
  • Fernet: liquore conosciutissimo e molto amaro, composto da una lunga lista di erbe e spezie opportunamente miscelate. Lo preferiamo all’Angostura perché leggermente meno amaro e meno alcolico, più adatto ad equilibrare il sapore dolce del Manhattan cocktail senza stravolgerlo.

 Ora che i trucchi li conoscete tutti, non vi resta che cimentarvi nella nostra ricetta!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.